"Giustizia sospesa": gli avvocati non ci stanno, flash mob davanti al tribunale

Anche i legali di Agrigento consegneranno, simbolicamente, i loro codici

"Il nostro grido di dolore per una giustizia sospesa. Riconsegnamo i nostri codici davanti ai tribunalii". Anche ad Agrigento, venerdì alle 12, davanti al palazzo di giustizia, si terrà il flash mob - indetto a livello nazionale - dell'avvocatura "contro l'inerzia della giustizia in questo momento di emergenza", spiegano.   

"La paralisi di tutti gli uffici e l'inadeguatezza delle risposte alle problematiche mosse dagli avvocati hanno lasciato e lasceranno tutti i cittadini privi di adeguate risposte - ha spiegato l'avvocato Vincenzo Vitello - . La paralisi completa, oltre a prolungarsi, per scelta degli uffici giudiziari sino a settembre, avrà delle ricadute enormi per l'intero comparto giustizia e la tutela dei diritti". Gli avvocati non ci stanno alla "giustizia sospesa". Motivo per il quale, appunto, si sono dati appuntamento per venerdì per riconsegnare - simbolicamente - i loro codici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento