Stavano razziando un ristorante, sorpresi dai metronotte: ladri in fuga

I malviventi avevano già "ripulito" la cassa. I carabinieri non sono riusciti ad acciuffarli per una manciata di minuti. Sono al vaglio, adesso, le immagini dei sistemi di video sorveglianza

Il loro intervento è stato determinante. Ha permesso, senza ombra di dubbio, di limitare i danni. E' soltanto grazie ai metronotte D'Italia se, nella notte fra martedì e ieri, i ladri non sono riusciti a portare a termine il colpo che avevano, chissà da quanto tempo, progettato. Sono scappati poco dopo essere riusciti ad appropriarsi di qualche spicciolo che c'era in cassa. 

Erano le 2,30 circa quando i metronotte D'Italia, pattugliando il viale Falcone-Borsellino a San Leone, si sono accorti che c'era la porta di un ristorante aperta. Fra l'altro in malo modo. Subito è stato lanciato l'allarme alla sala operativa dei carabinieri e in una manciata di minuti la prima pattuglia disponibile ha raggiunto il rione balneare. 

I ladri sono, appunto, scappati. I carabinieri non sono riusciti ad acciuffarli per una manciata di minuti. E non ci sono riusciti nonostante San Leone sia stata, subito dopo, praticamente rastrellata da cima a fondo. 

Adesso, spetterà alle indagini - già avviate - cercare di identificare i balordi che, nottetempo, volevano razziare il ristorante. Sono al vaglio degli investigatori, e potrebbero anche rivelarsi importantissime ai fini investigativi, le immagini dei sistemi di video sorveglianza dell'intera zona. 


 

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Scopre il tradimento del marito e per strada scoppia il parapiglia

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento