"Obbligatorio pagare l'assistenza ai migranti anche senza soldi in bilancio", raffica di condanne per i Comuni

Tre provvedimenti ribadiscono il diritto delle coop a ottenere il saldo delle rette dalle amministrazioni: due enti costretti a corrispondere quasi 260mila euro

“L’obbligo di assistere i minori non accompagnati è sempre previsto dalla legge indipendentemente dal fatto che l’ente pubblico abbia o meno previsto la relativa copertura finanziaria nella spesa di bilancio”.

Ennesimo pronunciamento contro i Comuni e a favore delle cooperative che assistono i migranti. Il giudice Silvia Capitano, alla quale si sono rivolte le cooperative Gea Coop, La mano di Francesco e Maometto, rappresentate in giudizio dagli avvocati Giuseppe Scozzari e Angelo Sutera, ha stabilito che i Comuni di Agrigento e Favara dovranno pagare alle coop i costi sostenuti per l’accoglienza ai minori non accompagnati.

l Comune di Agrigento (che dovrà pagare 78 mila euro alla Maometto coop e 124 mila a La Mano di Francesco) e quello di Favara (57 mila alla Gea coop) avevano risposto alle richieste delle cooperative che non avrebbero potuto pagare loro le rette, relative a poco meno di un anno complessivamente, perché non avevano la copertura finanziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta di malaria a 44 anni dopo una vacanza in Nigeria

  • Incidente sul lavoro: si ribalta il trattore e muore un 53enne

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento