"Cucciolo sta per morire di stenti al balcone", polizia e vigili del fuoco lo salvano

Una ragazza lancia un appello su Facebook, un funzionario della Questura lo legge e dà il via all'operazione: denuncia in vista per un gruppo di stranieri che ha abbandonato il cane

L'operazione di soccorso

Polizia e vigili del fuoco in azione per salvare un cucciolo di cane, abbandonato al balcone del terzo piano di un'abitazione, che stava morendo di stenti. Una ragazza aveva scritto su Facebook un appello dopo avere notato l'animale in evidente stato di sofferenza.

IL VIDEO. Senza acqua, né cibo da giorni: polizia e vigili del fuoco salvano un cucciolo 

60632436_441056926658309_7825941939621986304_n (1)-5

Un funzionario della Questura lo ha letto casualmente e, insieme al personale della Squadra Mobile, è andato sul posto, in via Tortorelle, nei pressi della via Callicratide, per verificarlo. Dopo avere accertato che la segnalazione era corretta, ha avvisato i vigili del fuoco che sono intervenuti, durante la notte, grazie anche agli abitanti del quartiere che si sono mobilitati per individuare i proprietari delle auto posteggiate e farle spostare, perchè in caso contrario i pompieri non avrebbero potuto intervenire.

L'animale è stato soccorso e salvato. Il cucciolo è stato affidato alle cure di due veterinari, uno dell'Asp e l'altra - Leila Li Causi - che lavora con i privati. Per i proprietari dell'animale, un gruppo di extracomunitari è in arrivo una denuncia per maltrattamenti di animali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento