"Non misero in sicurezza le case fatiscenti", citati davanti al tribunale

Il Comune chiede il rimborso delle spese sostenute per eliminare i rischi per la pubblica e privata incolumità

Era il 2011 quando il Comune di Agrigento - dopo numerosi solleciti ai proprietari - si sostituì ai privati e avviò i lavori di messa in sicurezza degli immobili fatiscenti ricadenti nelle vie Cannameli, Vallicaldi, Gallo, in vicolo Caruana e in discesa Boccerie. Allora, a tutela della pubblica e privata incolumità, venne decisa anche lo sgombero oltre che l'interdizione delle stesse residenze.

LEGGI ANCHE: "Non hanno messo in sicurezza una palazzina", il Comune chiede 16 mila euro  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune affidò i lavori di messa in sicurezza, dunque, all'impresa Elcan e pagò 13.022,57 euro. Una somma che non è riuscita ancora ad incassare, motivo per il quale l'ente ha convenuto - davanti al tribunale di Agrigento - i propritari degli immobili. Palazzo dei Giganti vuole ottenere il rimborso della somma spesa, un credito per l'ente. L'incarico di difesa e rappresentanza è stato conferito all'avvocato Antonio Insalaco.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento