Aggredito un 23enne, individuati i responsabili: picchiato anche per motivi razziali

L’intensa attività investigativa ha consentito ai militari dell’Arma di raccogliere elementi utili all’identificazione

Un 23enne dell’Agrigentino nei giorni scorsi è stato aggredito a Lercara Friddi. Il fatto è accaduto il 22 luglio scorso. Le indagini dei carabinieri della locale compagnia non sono mai fermate.

L’intensa attività investigativa ha consentito ai militari dell’Arma di raccogliere elementi utili all’identificazione. “Gli autori del pestaggio - secondo quanto fanno sapere i carabinieri -  scaturito per futili motivi, e che marginalmente, avrebbe avuto riferimenti anche di discriminazione di natura razziale”.

In particolare, i preliminari accertamenti condotti dai militari dell’Arma erano stati avviati alla segnalazione che presso un ospedale del capoluogo palermitano era giunto in gravi condizioni un giovane 23enne aggredito in pieno centro abitato a Lercara Friddi. 

I diversi testimoni hanno consentito ai carabinieri di Lercara di individuare due responsabili, sul conto dei quali, nel più stretto riserbo istruttorio e di concerto con l’autorità giudiziaria, sono tutt’ora in corso ulteriori approfondimenti, volti a stabilire le cause, i motivi ed i ruoli assunti dai due nel corso dell’aggressione.

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento