Accusato di violenza ai danni dell'ex, 28enne si difende dal gip

Il giovane, finito ai domiciliari, nega le accuse in occasione dell'interrogatorio di convalida dell'arresto

Si difende e nega ogni accusa il ventottenne di Canicattì arrestato nei giorni scorsi con l'accusa di violenza sessuale e stalking ai danni dell'ex fidanzata. Il giovane, assistito dal suo difensore di fiducia, l'avvocato Calogero Meli, ha dato la sua versione dei fatti al gip Stefano Zammuto che, su richiesta del pm Gloria Andreoli, ha firmato un'ordinanza che gli impone gli arresti domiciliari.

Piuttosto che provare a dimenticarla dopo essere stato lasciato, il ventottenne - secondo l'ipotesi accusatoria - si sarebbe messo alle calcagna della sua ormai ex fidanzata e non sarebbero mancati messaggini e maldestri tentativi di riconciliazione. All’inizio di agosto l’avrebbe raggiunta nei pressi del luogo di lavoro della ragazza, in un Comune dell’hinterland agrigentino, e avrebbe abusato della sua ex.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • L'incidente lungo la strada per la Scala dei Turchi: 59enne muore dopo quasi un mese d'agonia

  • Totano gigante si arena sulla spiaggia: curiosità e incredulità a Punta Grande

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento