"Accusati di rapina e tentato omicidio", chieste due condanne

l processo è carico di Antonio Cardillo, 27 anni e Natale Catalano di 48 anno. Per i due rispettivamente 12 e 11 anni di reclusione

Accusati di rapineae tentato omicidio, chieste due condanne. Il sostituto procuratore generale Vincenza Sabatino ha chiesto, appunto, la conferma della condanna inflitta in primo grado dal tribunale di Sciacca. Il processo è carico di Antonio Cardillo, 27 anni e Natale Catalano di 48 anno. Per i due rispettivamente 12 e 11 anni di reclusione.

Secondo quanto fa sapere l’edizione odierna del Giornale di Sicilia  per i due riberesi nella prossima udienza, fissata l’undici marzo, discuteranno le difese che chiedono, già nei motivi di appello, che venga riaperta l’istruttoria dibattimentale per questa vicenda che riguarda la rapina alla farmacia Ragusa di Calamonaci e la tentata rapina con tentato omicidio alla tabaccheria Valenti di Ribera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La difesa dei 48enne, Catalano, è affidata all’avvocato Francesco Di Giovanna e punta anche alla nomina da parte dei giudici della Corte di Appello di Palermo di un perito per un’intercettazione che è agli atti del processo e quella di Cardillo sostiene che dalle immagini della tentata rapina alla tabaccheria, dalla quale scaturisce anche l’accusa di tentato omicidio. Secondo l’avvocato la persona avrebbe impugnato la pistola non tenta di sparare. Tra i due la posizione più grave è quella di Cardillo. Secondo l’accusa  sarebbe stato lui a lasciare l’auto col volto travisato da passamontagna, facendo irruzione in una tabaccheria. L’uomo avrebbe tentato si sparare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Coronavirus, sabato di "follia" a Porto Empedocle: "ressa" davanti al supermercato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento