Demolizioni nella Valle dei Templi, aggiudicato l'appalto

Se ne occuperà la ditta "Patriarca" di Comiso: la stessa impresa che sta radendo al suolo le villette abusive di Licata. Comune e Procura stanno definendo la data d'avvio

Una passata demolizione realizzata nel Parco archeologico di Agrigento

E' stata aggiudicata. La seconda tranche di demolizioni dei manufatti abusivi realizzati nella zona "A" del Parco archeologico è stata appaltata. Se ne occuperà la ditta Patriarca di Comiso, nel Ragusano. La stessa impresa che si è aggiudicata e che sta portando avanti le demolizioni delle villette abusive di Licata. 

Aggiudicata la procedura negoziata - che aveva una base d'asta di 33.136 euro - adesso, l'ufficio Urbanistica di palazzo dei Giganti sta definendo con la Procura della Repubblica la data in cui verranno riaccesi i motori delle ruspe.

LEGGI ANCHE: Al via la ricerca di una impresa per le nuove demolizioni 

Ad Agrigento, per riavviare i lavori di demolizione, si è dovuto attendere l'approvazione del bilancio. La Procura, il cui input è stato determinante per far ritornare in azione le ruspe, da mesi e mesi ormai, aveva fornito il nuovo elenco di manufatti da demolire. Un elenco che segue il criterio cronologico delle sentenze passate in giudicato. Questo secondo elenco era composto, originariamente, da 13 immobili, ma 4 manufatti abusivi sono stati già autonomamente demoliti.

Anche in questa seconda tranche si procederà in danno agli inadempienti, ossia in danno a coloro che non hanno raso al suolo gli abusi nonostante fossero stati diffidati a mobilitarsi. 

Potrebbe interessarti

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Il bicarbonato di sodio e i suoi utilizzi in casa

  • Difese immunitarie: come migliorarle con rimedi naturali

  • Come proteggere le nostre case dalle zanzare con rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Colto da un malore mentre si fa il bagno, tragedia a Porto Empedocle: muore un uomo

  • Blitz "Assedio", le intercettazioni: "Io ci sono nato mafioso … mi devo vergognare che sono mafioso?"

  • Il pm la scagiona, lei muore poco dopo: la città piange Maria Garufo

  • Ricconi alla Scala dei Turchi, super yacht con scivolo gonfiabile

  • Auto travolge un ciclista, 51enne muore dopo l'incidente sulla statale Licata-Ravanusa

  • Si sfonda il tetto e il muratore precipita, grave trauma cranico: la prognosi sulla vita è riservata

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento