Abusivismo e demolizioni, Castellino: "Fare pagare la pigione agli ex proprietari"

Il neo sindaco ha dato mandato all'ufficio tecnico comunale per redigere un regolamento per l'utilizzo degli immobili già acquisiti al patrimonio del Comune

Una ruspa a Palma di Montechiaro

Ha dato mandato all'ufficio tecnico comunale per redigere un regolamento per l'utilizzo degli immobili abusivi già acquisiti al patrimonio del Comune. Lo ha fatto il neo sindaco di Palma di Montechiaro Stefano Castellino. "E' nostra intenzione, visto che fino ad ora non è stato fatto, mettere ordine - dice - . Ciò che vogliamo fare è applicare l'articolo 4 della legge 17 del 31 maggio 1994 che consente agli ex proprietari degli immobili, che non hanno un'altra abitazione dove trasferirsi, di continuare ad occupare gli immobili in questione, dietro pagamento, però, di una pigione. Il rispetto di tutte le regole viene al primo posto, ma proprio perché la legge lo consente intendiamo evitare di far finire per strada circa 900 famiglie che non hanno un’altra casa".

VEDI IL VIDEO: Il grido dell'ex proprietario: "Perché non hanno demolito subito?"   

Sono mille gli edifici che, nel corso del tempo, sono stati acquisiti al patrimonio del Comune di Palma di Montechiaro, visto che gli ormai ex proprietari non hanno ottemperato all'ordinanza di demolizione. A Palma di Montechiaro sono state già realizzate alcune demolizioni di immobili ricadenti entro i 150 metri dalla costa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento