Gal Sicani, progetto per valorizzare le aree di attrazione culturale

L'iniziativa è stata condivisa da ben 31 Comuni che hanno aderito ad un bando pubblicato dal Ministero dei Beni Culturali

Percorso naturalistico a Torre Salsa

I Comuni aderenti al Gal Sicani - riuniti in associazione temporanea di scopo con i Comuni di Lampedusa e Linosa, Campobello di Licata e Ravanusa, con capofila l'Unione dei Comuni di Bovo Marina, Eraclea Minoa e Torre Salsa - hanno risposto ad un bando pubblico del Ministero dei Beni e delle attività culturali per la valorizzazione delle aree di attrazione culturale nelle regioni del sud Italia, candidando un progetto denominato "Cultura Creativa".

Il progetto verte sulla valorizzazione a fini turistici del vasto patrimonio culturale dei Comuni associati attraverso una strategia per la captazione dei visitatori dei siti Unesco regionali verso le aree interne e insulari dell'area centro occidentale della Sicilia. Complessivamente sono 31 i comuni, sia della provincia di Agrigento sia di quella di Palermo, aderenti al Gal Sicani. Si tratta di:Alessandria della Rocca, Aragona, Bisacquino, Bivona, Burgio, Calamonaci, Caltabellotta, Cammarata, Casteltermini, Castronovo di Sicilia, Cattolica Eraclea, Chiusa Sclafani, Cianciana, Contessa Entellina, Giuliana, Joppolo Giancaxio, Lucca Sicula, Montallegro, Montevago, Palazzo Adriano, Prizzi, Raffadali, Realmonte, Sambuca di Sicilia, San Biagio Platani, San Giovanni Gemini, Santa Elisabetta, Santa Margherita Belice, Sant’Angelo Muxaro, Santo Stefano Quisquina, Siculiana, Villafranca Sicula.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento