L’ufficio in casa: come arredarlo

Sono sempre di più le persone che lavorano da casa. Ecco qualche consiglio per arredare e rendere piacevole lo spazio lavorativo tra le mura domestiche

Sono sempre di più le aziende che offrono ai propri dipendenti un paio di giorni a settimana si smart working , ovvero la nuova filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati. Questa nuova tendenza ha favorito lo nascita di un numero sempre maggiore di luoghi di co-working, come spazi comuni e internet cafè.

Ma sono tanti, tantissimi, quelli che approfittano di questa possibilità per godersi un pò di più gli ambienti di casa e un luogo più sereno dove concentrarsi; a questi poi si aggiungono tutti coloro che svolgono la libera professione e che decidono di organizzarsi il proprio ufficio proprio in casa. Entrambe queste tipologie di lavoro da casa richiedono la creazione e l’arredo di un ambiente confortevole per chi deve lavorarci quotidianamente o magari se si devono ricevere anche ipotetici clienti.

Ecco allora alcuni consigli per rendere gradevole il vostro spazio di lavoro:

Scegliete i mobili

I mobili sono la parte più importante della area di lavoro. Il primo su cui porre l’attenzione è senza dubbio la postazione di lavoro; che si tratti di scrivania, tavolo da disegno, piccolo scrittoio, la cosa importante è che sia proporzionato alle dimensioni della stanza e che sia a favore di una fonte di luce, che sia essa naturale o artificiale.  

Dunque la luce è fondamentale: una bella lampada da tavolo, o una piantana oltre che arredare illuminano la stanza, è importante scegliere la loro luce (bianca o gialla) anche in funzione di quanto tempo stiamo seduti alla nostra scrivania.

La seduta è vitale, soprattutto se stiamo molto tempo in questa posizione. È importante scegliere una sedia o una poltrona comoda, magari con una forma ergonomica che favorisca la postura della nostra schiena.

La cassettiera o la scaffalatura sono i nostri salva spazio per evitare ambienti confusi e disordinati: un suggerimento è quello di dotarsi di contenitori appositi, raccoglitori e scatole cosi da dividere tutto per necessità e non perdere mai oggetti o documenti importanti per il nostro lavoro.

Importanti sono le tende che oltre ad arredare, vi proteggono da sguardi esterni indiscreti ma soprattutto vi schermano dai raggi del sole, soprattutto se la vostra scrivania è esposta fronte al balcone o alla finestra.

Rendete lo studio più allegro

A nessuno piace lavorare in un posto vuoto e triste, quindi portare allegria intorno a voi è la prima regola fondamentale. Se non potete riverniciare le pareti o apportare grandi modifiche aiutatevi con oggetti colorati, come taccuini, post-it, fiori, scatoline e raccoglitori, cornici per quadri, lampade, magari con cose che vi servono anche per lavorare inizierete a rendere lo spazio più accogliente e pieno, senza esagerare.

Sfruttate le pareti

Lavorando si crea facilmente disordine; per evitare che il caos prenda il sopravvento sfruttate fino all’ultimo centimetro le pareti intorno a voi, soprattutto in verticale. Il muro davanti a voi, che risulta opprimente e triste, può essere utilizzato con mensole di diverse dimensioni e altezze per riporre tutto ciò che vi serve a portata di mano durante le ore di lavoro.

Scegliete bene i colori

I colori vanno scelti attentamente. C’è chi lavora bene in un ambiente dai colori vibranti e forti, ma anche chi ama i toni neutri e più discreti per potersi focalizzare solo su ciò che ha di fronte. Scegliete una palette di tonalità e se ne avete la possibilità puntate sui cuscini e sul colore della vostra sedia da scrivania. Il suggerimento è quello di utilizzare comunque una cromia che non ci stanchi troppo facilmente.

Per il resto potrete sbizzarrirvi ad arredare in funzione di spazio e disponibilità economiche, con tappeti, poltroncine, piante (ricordatevi che il verde aiuta sempre ed è un elemento vitale e positivo per i nostri ambienti), complementi d’arredo che più vi piacciono e rendono bello e confortevole il vostro angolo d’ufficio.

Potrebbe interessarti

  • Impianti di diffusione sonora: caratteristiche e tipologie

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • Specchio, specchio delle mie brame

  • Impianti di diffusione sonora: caratteristiche e tipologie

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento