Arrivano i "Treni del gusto", cinque gli appuntamenti previsti per la nostra provincia

Le corse saranno dedicate a specifici percorsi enogastronomici del territorio e partiranno da Agrigento e Porto Empedocle: tutto su carrozze d'epoca

(foto ARCHIVIO)

L'idea dei treni storici, nata - va ribadito - in Sicilia sulla spinta del lavoro realizzato da "Ferrovie Kaos" a Porto Emepedocle, cambia "volto" e porta alla creazione dei "treni del gusto".

Nella giornata di oggi, infatti, è stato presentato il programma della seconda edizione de "I Treni storici del Gusto" . Sede del'evento la sede della presidenza della regione siciliana, alla presenza del governatore Nello Musumeci, dell'assessore al Turismo Sandro Pappalardo e di Luigi Cantamessa, direttore generale della Fondazione ferrovie che, anche quest'anno, ha messo a disposizione un ricco e prezioso parco di locomotive, automotrici e carrozze d'altri tempi.

"La Sicilia -  ha detto il presidente Musumeci -  vive un momento magico in termini  turistici ma non possiamo tuttavia cullarci sugli allori. Abbiamo il dovere di lavorare e di fare molto di più, aumentando la qualità dei servizi anche attraverso la collaborazione con enti pubblici e privati. I treni storici raggiungeranno località impensabili, facendo degustare ai viaggiatori prodotti tipici locali. Lo scorso anno hanno preso a bordo oltre diecimila turisti e adesso, per questa nuova edizione, le corse cominceranno prima, ad aprile e non a luglio. Siamo convinti che puntando su questo tipo di programmazione che fa leva sulla passione della gente - dal ciclismo all'equitazione, dai viaggi in treno alle prelibatezze per il palato - riusciremo a rendere la nostra offerta sempre più appagante e stimolante per tutti ed è così che la nostra regione cresce". 
Il progetto, al quale collaborano anche Slow Food Sicilia e Fce Ferrovia Circumetnea, si articola in una vera e propria narrazione della Sicilia attraverso i suoi sapori caratteristici e i suoi luoghi più suggestivi: borghi, castelli, aree archeologiche, parchi, oasi e riserve naturali. Una proposta turistica, dunque, rivolta a chi è attento ai paesaggi e alle testimonianze storico-artistiche ma anche alle produzioni locali e ai cibi che rappresentano l'identità più vera e profonda delle comunità che vivono sul territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Andiamo alle tappe agrigentine: primo appuntamento il 28 april con il "Treno dei pani votivi e formaggi dell'Agrigentino" che andrà da Palermo a San Biagio Platani e Sant'Angelo Muxaro. Il 2 giugno partirà da Porto Empedocle in direzione di Racalmuto e Caltanissetta  il "Treno dei prodotti della terra nelle aree interne"; il 23 giugno invece, sempre con partenza da Porto Empedocle, e con tappa ad Agrigento e Favaraci sarà il turno del "Treno dei formaggi dell'Agrigentino", mentre il 7 luglio, con partenza da Porto Empedocle con tappa a Palma di Montechiaro e Licata invece avrà il via il "Treno dei prodotti della terra". Il 17 agosto partirà invece da Agrigento in direzione Porto Empedocle  un nuovo treno "dei pani votivi e dei formaggi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • "Feroce" rissa davanti ad un ufficio postale, la Mobile evita il peggio: tre denunciati

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Grigliata notturna fra amici e assembramenti: 10 sanzioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento