Arrivano i "Treni del gusto", cinque gli appuntamenti previsti per la nostra provincia

Le corse saranno dedicate a specifici percorsi enogastronomici del territorio e partiranno da Agrigento e Porto Empedocle: tutto su carrozze d'epoca

(foto ARCHIVIO)

L'idea dei treni storici, nata - va ribadito - in Sicilia sulla spinta del lavoro realizzato da "Ferrovie Kaos" a Porto Emepedocle, cambia "volto" e porta alla creazione dei "treni del gusto".

Nella giornata di oggi, infatti, è stato presentato il programma della seconda edizione de "I Treni storici del Gusto" . Sede del'evento la sede della presidenza della regione siciliana, alla presenza del governatore Nello Musumeci, dell'assessore al Turismo Sandro Pappalardo e di Luigi Cantamessa, direttore generale della Fondazione ferrovie che, anche quest'anno, ha messo a disposizione un ricco e prezioso parco di locomotive, automotrici e carrozze d'altri tempi.

"La Sicilia -  ha detto il presidente Musumeci -  vive un momento magico in termini  turistici ma non possiamo tuttavia cullarci sugli allori. Abbiamo il dovere di lavorare e di fare molto di più, aumentando la qualità dei servizi anche attraverso la collaborazione con enti pubblici e privati. I treni storici raggiungeranno località impensabili, facendo degustare ai viaggiatori prodotti tipici locali. Lo scorso anno hanno preso a bordo oltre diecimila turisti e adesso, per questa nuova edizione, le corse cominceranno prima, ad aprile e non a luglio. Siamo convinti che puntando su questo tipo di programmazione che fa leva sulla passione della gente - dal ciclismo all'equitazione, dai viaggi in treno alle prelibatezze per il palato - riusciremo a rendere la nostra offerta sempre più appagante e stimolante per tutti ed è così che la nostra regione cresce". 
Il progetto, al quale collaborano anche Slow Food Sicilia e Fce Ferrovia Circumetnea, si articola in una vera e propria narrazione della Sicilia attraverso i suoi sapori caratteristici e i suoi luoghi più suggestivi: borghi, castelli, aree archeologiche, parchi, oasi e riserve naturali. Una proposta turistica, dunque, rivolta a chi è attento ai paesaggi e alle testimonianze storico-artistiche ma anche alle produzioni locali e ai cibi che rappresentano l'identità più vera e profonda delle comunità che vivono sul territorio.

Andiamo alle tappe agrigentine: primo appuntamento il 28 april con il "Treno dei pani votivi e formaggi dell'Agrigentino" che andrà da Palermo a San Biagio Platani e Sant'Angelo Muxaro. Il 2 giugno partirà da Porto Empedocle in direzione di Racalmuto e Caltanissetta  il "Treno dei prodotti della terra nelle aree interne"; il 23 giugno invece, sempre con partenza da Porto Empedocle, e con tappa ad Agrigento e Favaraci sarà il turno del "Treno dei formaggi dell'Agrigentino", mentre il 7 luglio, con partenza da Porto Empedocle con tappa a Palma di Montechiaro e Licata invece avrà il via il "Treno dei prodotti della terra". Il 17 agosto partirà invece da Agrigento in direzione Porto Empedocle  un nuovo treno "dei pani votivi e dei formaggi".

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Come pulire il box doccia

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il miele e le sue proprietà e benefici per la salute

I più letti della settimana

  • L'incidente di Caltabellotta si trasforma in tragedia: è morto il 22enne di Lucca Sicula

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • Si ribalta il trattore e un uomo resta incastrato: il 60enne non è in pericolo di vita

  • Scontro fra auto in galleria nella statale 115: feriti i due conducenti

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento