"Ganduscio, una vita per la pace": assegnati i riconoscimenti

Durante l'evento è stato presentato un diaporama, a cura di Totò Castelli con voce narrante di Roberto Piparo, sulla vita e le opere del pacifista riberese

Un folto e attento pubblico ha partecipato alla cerimonia di consegna dei premi "Ganduscio, una vita per la pace", promossa dell'Auser Ribera. Nel corso della manifestazione, coordinata dal giornalista Totò Castelli e tenuta nella sede sociale Auser di corso Margherita 266,  sono intervenuti la presidente Auser Ribera: Giovanna Valenti, che ha portato il saluto dell'associazione di volontariato, il presidente provinciale Auser di Agrigento Piero Mangione, i componenti della giuria: Sino Guarisco ed Enza Indelicato e i premiati per la poesia: Lorenzo Peritore di Licata, per la musica popolare Lidia Fortunato, per la letteratura Ester Rizzo e per l'impegno sociale padre Emanuele Casola. Premiato per la poesia anche Pietro Catalano che ha inviato un  messaggio impossibilitato a partecipare. Durante l'evento è stato presentato un diaporama, a cura di Totò Castelli con voce narrante di Roberto Piparo, sulla vita e le opere del pacifista riberese Ganduscio. L'evento e stato patrocinato dal Cesvop di Palermo.

Questi i riconoscimenti del “Premio nazionale di poesia “Giuseppe Ganduscio, una vita per la pace” (VIII edizione) bandito dall’“Auser Ribera”. La giuria ha assegnato il premio, unico della sezione poesia in dialetto a tema libero, al poeta licatese Lorenzo Peritore per la poesia “A fidi”. Al poeta di origini palermitane, che vive a Roma, Pietro Catalano, è andato il primo premio, unico, nella sezione poesie in lingua italiana a tema libero, per la poesia “I bambini di Aleppo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I riconoscimenti speciali da conferire a personalità che si sono particolarmente distinte nel campo della musica classica o popolare, della letteratura e dell’impegno sociale e per la creazione di un mondo di pace sono andati a Lidia Fortunato, cantante folk riberese (musica popolare), Ester Rizzo, autrice licatese tra l’altro del libro “Camicette bianche, oltre l’8 marzo” (letteratura), e a padre Emanuele Casola, attuale arciprete di Cianciana (impegno sociale). Il premio è  indetto per far conoscere la figura e le opere del pacifista riberese Giuseppe Ganduscio al quale si devono tra l'altro alcuni brani musicali portati al successo dalla “cantatrice del Sud”, la mitica Rosa Balistreri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento