Coronavirus e famiglie in difficoltà, "spesa sospesa" anche a Realmonte

Richiedere l’aiuto è facile, basta contattare direttamente il Comune

Coronavirus, attiva a Realmonte la “spesa sospesa” a sostegno dei cittadini in difficoltà. L’iniziativa, a sostegno dei cittadini colpiti dalla fase emergenziale, nasce dall’attiva collaborazione tra le imprese, i privati, le istituzioni e il Banco di Solidarietà “Don Luigi Giussani”.

L’emergenza sanitaria ha già iniziato ad indebolire tanti nuclei familiari di lavoratori occasionali, precari e fissi, che a causa del fermo nazionale non possono più usufruire dello stipendio completo. In attesa di misure statali che possano garantire un sostegno solido ai cittadini, a Realmonte (AG) la macchina solidale è già in moto. A partire da un’azione coordinata del Banco di Solidarietà “Don Luigi Giussani”, che già da oltre quindici anni si muove sul territorio in numerose iniziative solidali, delle istituzioni parrocchiali e comunali e delle attività commerciali coinvolte, è nata in paese l’iniziativa della “Spesa Sospesa”.
Presso i supermercati Conad e Crai del paese è possibile acquistare dei prodotti in più, favorendo i beni di prima necessità, da destinare a chi ne faccia richiesta. Il panificio Agrò consegna inoltre agli incaricati della ronda di distribuzione, all’orario di chiusura, il pane e i prodotti di rosticceria rimasti al banco.
Ad indicare meglio le modalità di svolgimento dell’iniziativa solidale è Silvana Burgio, che insieme al marito Salvatore Lo Negro ogni sera raccoglie e distribuisce i prodotti ai richiedenti:

Tutto si basa su piccoli gesti d’aiuto che ognuno di noi può fare. Il nostro è un momento difficile, abbiamo tutti paura, possiamo immaginare cosa prova chi non riesce neanche a portare il pane a tavola. I supermercati lasceranno un carrello vuoto, nel quale chiunque voglia contribuire può lasciare qualcosa. Anche da casa, per chi ordina la spesa a domicilio, è possibile ordinare qualcosa in più da lasciare al carrello. Il nostro compito da volontari è quello di raccogliere il cibo gentilmente donato, insieme alle derrate assistenziali del Banco Alimentare, e di consegnarlo a domicilio alle famiglie richiedenti. Richiedere l’aiuto è facile, basta contattare direttamente il Comune. La paura è tanta e si avverte facilmente, già nelle strade deserte. Sicuramente, possiamo dirlo, non è la stessa solidarietà spensierata che possiamo permetterci alle Collette Alimentari annuali. Abbiamo paura anche noi, ma non bisogna mollare, specialmente in questo periodo difficile. Ogni nostro movimento è effettuato nel rispetto delle norme di sicurezza, per noi, per gli altri e per l’ordine pubblico.–  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento