Salva i randagi, la storia di "Ohana" arriva a "Tu si que vales"

Il rifugio è gestito da una donna margheritese, dai giudici della trasmissione la disponibilità ad una raccolta fondi

Un momento della puntata

Spazio in un programma tv nazionale per Chiara Calasanzio, la giovane margheritese che ormai da tempo ha creato a Santa Margherita Belice "Oasi Ohana", una struttura che oggi ospita ben 75 cani randagi.

Opera Snapshot_2019-11-03_145449_www.wittytv.it-2

La donna, al nono mese di gravidanza, è stata ospite ieri sera della trasmissione "Tu si que vales", andata in onda su Canale 5 e ha potuto racontare ai giurati Maria De Filippi, Teo Mammucari, Rudy Zerbi e Gerry Scotti alcune storie connesse ad alcuni dei cani che ospita nella struttura, a partire dal Nessie, la prima trovatella a cui ha prestato assistenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Racconti che hanno divertito e commosso il pubblico e gli stessi giurati, tanto da strappare a Mammuccari la promessa di uno spettacolo, da organizzare a Santa Margherita Belice, per raccogliere fondi con lo scopo di aiutare l'oasi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento