Mancato pagamento degli stipendi sit-in di protesta dei lavoratori di "Edilmar"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Sit-int di protesta dei lavoratori di Edilmar group. Per la mancata consegna delle buste paga dei mesi di gennaio e febbraio 2018,  mancato pagamento delle retribuzioni dal mese di novembre 2017 (detratto l’acconto già percepito) al 5 febbraio 2018 - data in cui hanno rassegnato le proprie dimissioni per giusta causa dovute al detto mancato pagamento, mancato pagamento  della tredicesima mensilità 2017, mancato pagamento ratei di 14, mancato pagamento  del T.F.R., mancato pagamento  delle Ferie, dei Permessi e delle Festività non goduti per il periodo dal 27/05/2015 – data in cui si è insediata l’Amministrazione Giudiziaria - fino alla data delle dimissioni.

 Il 3 maggio u.s. riceviamo da parte dell’Ispettorato del Lavoro di Agrigento una nota con la quale porta a conoscenza di aver ricevuto dall’amministratore giudiziario della predetta Ditta, Pino Raia, una comunicazione di avvenuto pagamento degli stipendi ai suindicati ex dipendenti fino al mese di dicembre 2017. Successivamente, in data 08/06/2018 l’Avv. Alessi Filippo, per conto della EDILMAR Group Srl, ha comunicato a mezzo pec al nostro legale Avv. Patrizia Manto, l’avvenuto pagamento degli stipendi del mese di gennaio 2018, allegando alla stessa pec i modelli CU 2018 (redditi 2017) ed i prospetti paga per il mese di gennaio 2018 dei medesimi dipendenti, restando in attesa di un riscontro “onde valutare la possibilità di definire transattivamente le doglianze evocate e stabilire un piano di pagamento delle poste correlate alla cessazione dei rapporti di lavoro in argomento”.

    Le restanti e legittime richieste dei lavoratori sono state eluse: le famigerate buste paga dell’ultimo mese di lavoro e quelle relative alla fine del rapporto di lavoro comprensivo di TFR ed accessori, nonchè il modello CUD ad oggi, e si ricorda che dalla data di cessazione del rapporto di lavoro sono trascorsi oltre 4 mesi, non vengono ancora consegnati ai medesimi lavoratori, che in assenza del modello CUD, rischiano di non poter presentare la propria dichiarazione dei redditi.

   Sembra proprio di sbattere contro un muro di gomma, nonostante le condotte di mancata emissione e consegna dei documenti richiesti siano soggette a sanzioni amministrative.  Pertanto, alla luce di quanto sopra esposto, al fine di ottenere i propri diritti,  giorno 19 giugno dalle 10 alle 13 i lavoratori saranno in protesta davanti alla Prefettura. 

                

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento