Palma, il Comune vara il rilancio della cultura: ecco una consulta con l'ultimo discendente del Gattopardo

E' stata istituita dal Comune, i componenti saranno in carica per quattro anni

Castellino con Gioacchino Lanza Tomasi

Costituita dal Comune di Palma di Montechiaro, l'Istituzione comunale "Giuseppe Tomasi di Lampedusa" che verrà gestito da un Consiglio di amministrazione con direttore scientifico Gioacchino Lanza Tomasi, ultimo discendente dell'autore del "Gattopardo".

Del Cda, fanno parte Letizia Pace, Nicola Taibi, Velia Di Vincenzo, Angelo Vaccaro e Rosario Lo Vasco, scelti direttamente dal sindaco Stefano Castellino. I cinque rimarranno in carica quattro anni, come prevede lo statuto, ma potranno essere riconfermati.
Il Consiglio di Amministrazione è preposto a svolgere attività di studio ed attività volte alla valorizzazione del patrimonio culturale locale ed in particolare promuovere la conoscenza e lo sviluppo del territorio.

"Sono felice e orgoglioso per la costituzione di questa Istituzione che verrà diretta dall'ultimo discendente dell'autore del Gattopardo, che opererà in maniera gratuita - dice il sindaco Castellino - Lui, assieme ai cinque componenti del Cda, sono certo, proietteranno Palma nel panorama culturale internazionale. Con l'Istituzione, finalmente, la città riscoprirà quel legame intimo con la famiglia Tomasi di Lampedusa, possiamo davvero costruire qualcosa di molto importante per la nostra città, ma in generale, per la provincia agrigentina". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento