Stop all'emergenza, riprende la raccolta dei rifiuti: i netturbini tornano operativi

Ad annunciarlo anche il sindaco di Porto Empedcole, Ida Carmina, che ha invitato i cittadini a pagare la tassa e non abbandonare rifiuti per strada, nella speranza che la situazioni torni alla normalità

Riprenderà domattina il servizio di raccolta dei rifiuti a Porto Empedocle. Al termine dell'incontro di oggi in Prefettura tra i rappresentanti dell'amministrazione comunale empedoclina, quelli della Realmarina e il sindacato Fit-Cisl, è stata raggiunta un'intesa che permetterà la ripresa del servizio fermo ormai da lunedì scorso. I lavoratori erano entrati in sciopero per protestare contro i ritardi nei pagamenti dei loro stipendi, ritardi causati dal mancato versamento di fatture arretrate per servizi resi da parte del Comune alle ditte che hanno in appalto il servizio e che, di conseguenza, non sono nella possibilità di mantenere una continuità nel pagamento degli stipendi ai lavoratori stessi.

"Il paese da domattina verrà integralmente ripulito - ha spiegato il sindaco Ida Carmina -, al momento quindi chiediamo ai cittadini di non esporre il mastello della carta e del cartone perché ci si dedicherà alla rimozione dell'indifferenziato, nell'immediato. Ringraziamo comunque gli operatori ecologici che si sono visti costretti a scioperare a causa dei ritardi nei trasferimenti del Ministero e che sono adesso tornati al lavoro".

Il sindaco ha inoltre lanciato appello ai cittadini affinché tutti provvedano a "pagare la Tari, perché per legge è totalmente a carico dei cittadini. Così come quando andate dalla parrucchiera pagate la parrucchiera e se volete la luce a casa pagate la bolletta - ha detto - allo stesso modo vale per il servizio dei rifiuti. Vi preghiamo inoltre di differenziare per bene e non abbandonare per strada i rifuti, dato che costituisce un grave illecito".

Al netto degli appelli, la situazione economica dell'ente resta grave. Per questo l'amministrazione comunale, spiegando che verosimilmente entro il 7 dicembre si introiteranno somme certe da parte del Ministero dell'Interno e della Regione, si è impegnata a disporre il pagamento in favore della Realmarina delle fatture relative ai mesi di parile e maggio 2018 affinchè le ditte possano versare contestualmente ai propri dipendenti, le retribuzioni di settembre ed ottobre 2018. La Realmarina dal canto suo, ha dichiarato che, al ricevimento di pagamenti di queste due fatture, provvederà immediatamente a corrispondere ai lavoratori, le retribuzioni di settembre ed ottobre 2018.Inoltre, la Realmarina, si è dichiarata disponibile ad esaguire prestazioni richieste per il ripristino delle normali condizioni igienico sanitarie nel più breve tempo possibile. Infine la Fit Cisl, preso atto del proficuo risultato ottenuto al tavolo prefettizio, ha deciso di tenere aperta la vertenza fino al pagamento di quanto concordato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento