Gli alunni dell'istituto "Crispi" in visita alla riserva naturale della foce del fiume Platani

La scolaresca ha attraversato l'area naturalistica ed effettuato una raccolta di rifiuti presenti in spiaggia

Un momento della mattinata

Alunni e insegnanti dell'istituto comprensivo “Crispi” di Ribera sono andati in visita alla riservava della “Foce del Fiume Platani”. Ad accoglierli, i volontari del Wwf a partire da Domenico Macaluso, responsabile scientifico-settore mare della sigla ambientalista, che ha salutato il nutrito gruppo per poi parlare di storia, mito, passioni e leggende che hanno animato quei luoghi.  La lunga passeggiata ha visto la comitiva arrivare fino alla foce del fiume.

Presenti anche i ragazzi dell'associazione “Crescere insieme” di Sciacca (con a capo la presidente Rita Borsellino) e i volontari della “Nika Onlus” (Nicola Palermo e Mustafà Miai) con i quali si è condivisa l'organizzazione della visita. In chiusura è stata effettuata una piccola raccolta di rifiuti, che sono stati campionati seguendo il protocollo del Ministero dell'Ambiente. L’architetto Giuseppe Mazzotta, presidente del Wwf Sicilia Area Mediterranea, ha consegnato a tutti un attestato di ringraziamento. Maria Paola Raia, dirigente scolastica dell'istituto comprensivo “Francesco Crispi” di Ribera, "vista la grande valenza educativa della visita", ha auspicato che "per gli anni futuri possano ripetersi occasioni formative che vedono la scuola e il mondo del volontariato incontrarsi in questi luoghi così incantevoli". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • L'incidente lungo la strada per la Scala dei Turchi: 59enne muore dopo quasi un mese d'agonia

  • Totano gigante si arena sulla spiaggia: curiosità e incredulità a Punta Grande

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento