Troppe discariche a cielo aperto, arrivano le foto-trappole per stanare gli sporcaccioni

Il vice sindaco: "Un agente della polizia municipale, addetto al trattamento dei dati sensibili, scaricherà le immagini nella speranza di poter risalire ai trasgressori che saranno pesantemente sanzionati"

(foto ARCHIVIO)

Foto-trappole in punti strategici del centro storico, ma non soltanto. Per far fronte all'emergenza discariche, gli amministratori di Favara hanno fatto ricorso anche alla strumentazione per identificare gli sporcaccioni. "Due foto trappole - ha detto al Giornale di Sicilia il vice sindaco, nonché assessore all'Ambiente, Giuseppe Bennica - sono state piazzate in piazza Giarritella dove nell'ultimo fine settimana si è ricostituita una nuova discarica abusiva. Oggi un agente della polizia municipale, addetto al trattamento dei dati sensibili, scaricherà le immagini nella speranza di poter risalire ai trasgressori che saranno pesantemente sanzionati". Bennica ammette che nell'attuale clima di emergenza sanitaria e, soprattutto, in conseguenza delle restrizioni imposte dal governo nazionale a cui è seguita la chiusura di numerosi esercizi commerciali, il fenomeno delle discariche a cielo aperto al momento appare più contenuto rispetto a qualche settimana fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento