Elezioni presidenziali in Senegal, il Comune "offre" una stanza: c'è l'accordo

Gli stranieri residenti ad Agrigento e provincia, potranno, molti per la prima volta, esercitare il diritto di voto anche se lontani dal loro Paese d'origine

Il Comune apre le porte all’integrazione. In occasioni delle imminenti elezioni presidenziali in Senegal, da palazzo dei Giganti è maturato un accordo.

L'Amministrazione comunale di Agrigento, su richiesta del delegato della comunità Diop Papa Madoke, e d'intesa con l'Ambasciata del Senegal, ha messo a disposizione un locale dove poter svolgere le operazioni di voto.

L’evento politico si terrà domenica 24 febbraio. Gli oltre trecento senegalesi residenti ad Agrigento e provincia, potranno, molti per la prima volta, esercitare il diritto di voto anche se lontani dal loro Paese d'origine. 

Un accordo importante voluto anche dal primo cittadino di Agrigento, il sindaco Calogero Firetto. Il Comune apre le porte all’integrazione, offrendo uno spazio speciale ai votanti.

Potrebbe interessarti

  • Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • La parete verde: come organizzare il giardino verticale in casa

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Chiesa agrigentina, ecco tutti i nuovi parroci nominati dal cardinale

  • Blitz dei carabinieri in Caf e patronati: trovati dei lavoratori in nero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento