Reparto di chirurgia dell’ospedale di Ribera, scongiurato il depotenziamento

La direzione strategica Asp, di concerto con i direttori di presidio, infatti, avrebbe "appianato diverse problematiche"

L'ospedale "Parlapiano"

"A seguito di un vertice programmatico svoltosi questa mattina presso la sede legale dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, può dirsi scongiurato il depotenziamento, seppur temporaneo, del reparto di chirurgia del presidio ospedaliero 'Fratelli Parlapiano' di Ribera ipotizzato nei giorni scorsi".

A comunicarlo è la stessa Azienda sanitaria. La direzione strategica Asp, di concerto con i direttori di presidio, infatti, avrebbe "appianato diverse problematiche riuscendo nell’intento grazie anche alla sensibilità e dedizione mostrata dal dirigente medico Giovanni Falcone il quale, pur prossimo alla pensione e nonostante il periodo di ferie, si è reso disponibile a rientrare in servizio assicurando il suo contributo".

Ad aver fornito uno "stimolo fattivo" è stato anche lo stesso sindaco Carmelo Pace, che, dice l'Asp, "ha evidenziato l’inopportunità del temporaneo depotenziamento. Il risultato odierno - continuano dall'azienda - testimonia le attenzioni della direzione Asp nei confronti della Città di Ribera e del suo comprensorio e rilancia gli scenari di evoluzione e crescita della sanità riberese, oggi oggetto di una costruttiva interlocuzione con l’Assessorato Regionale della Salute".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Sparano sulla slot machine e rapinano il bar": arrestato un 33enne

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento