Scarpe sequestrate dai vigili: 61 paia quelle donate alla Caritas

Don Gioacchino Scimè: "A tanti mancano beni di prima necessità e l'abbigliamento è tra le principali richieste che pervengono, oltre ai generi alimentari"

(foto ARCHIVIO)

Sessantuno paia di scarpe, dal marchio contraffatto, sequestrate durante uno dei tanti blitz della polizia municipale, sono state consegnate a don Gioacchino Scimè, parroco dell'unità pastorale Maria Santissima della Catena in Santa Croce di Villaseta.

Don Gioacchino Scimé, che si occupa della Caritas interparrocchiale di Santa Croce, ha ringraziato il comandante della polizia municipale, Gaetano Di Giovanni: "La nostra struttura, gestisce le esigenze di oltre cento famiglie del territorio - ha spiegato, al Giornale di Sicilia, il parroco - . A tanti mancano beni di prima necessità e l'abbigliamento è tra le principali richieste che pervengono, oltre ai generi alimentari. Grazie ai nostri canali di approvvigionamento, riusciamo a far fronte alle difficoltà quotidiane di molti indigenti".

"La consuetudine e la sensibilità manifestata dalla magistratura e dagli organi di polizia - ha dichiarato, sempre al Giornale di Sicilia, il direttore della Caritas Diocesana, Valerio Landri - è un segno di vicinanza nei confronti di chi vive nella più totale indigenza".

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento