Imprenditore italo-canadese dona uno scuolabus: salvo il servizio

Il vecchio mezzo, utilizzato a Cattolica Eraclea, si è fermato: non ha superato la revisione

Il vecchio scuolabus si è fermato: non ha superato la revisione. Da lontano - dal Canada - arriva però la donazione dell’imprenditore italo-canadese Giuseppe (Joe) Borsellino, di origini cattolicesi. La giunta di Cattolica Eraclea ha già accettato la donazione del nuovo scuolabus che dovrebbe entrare in funzione nelle prossime settimane.

"Il concittadino Giuseppe Borsellino, nato il 24 febbraio 1941 a Cattolica e residente a Montreal dove è emigrato all’età di undici anni, unitamente alla moglie Elina, ha manifestato la volontà di donare al Comune un nuovo scuolabus da utilizzare prevalentemente per finalità socio educative ed in particolare per il trasporto scolastico dei bambini" - è stato scritto nella delibera - . Le spese complessive ammontano a 51.118 euro, così suddivise: valore economico del mezzo da acquistare 39.900, spese di consegna, immatricolazione e iscrizione al Pra 2.000 euro, il tutto oltre Iva.

"Accettando tale donazione – ha spiegato, al Giornale di Sicilia, il sindaco Santino Borsellino – il Comune potrà continuare a fornire il servizio gratuito di trasporto alunni della scuola dell’infanzia e primaria come fino ad oggi e stato fatto stante che lo scuolabus in uso non ha i requisiti per poter circolare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • A Milano con la paura addosso, Daniele: "Coronavirus? Ho un consiglio per i miei concittadini"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento