Canoni idrici aumentati del 300%, scoppia la protesta degli agricoltori

Incontro in Prefettura nei giorni scorsi con la deputazione per trovare una soluzione al problema

Un momento della riunione

Canoni idrici aumentati in modo esponenziale e agricoltori in ginocchio che rischiano di perdere tutto.

Di questo si è parlato in Prefettura ad Agrigento con parlamentari Giovanni Di Caro, Matteo Mangiacavallo, Carmelo Pullara, Giuseppe Catanzaro e Dedalo Pignatone, il prefetto Dario Caputo e i comitati spontanei degli agricoltori, Confagricoltura Agrigento, Unione Cooperative, Agrinsieme, Uci e Feder.agri.

Un confronto lungo e complesso, chiesto proprio dagli agricoltori per analizzare e risolvere uno dei mille problemi che impedisce lo sviluppo dell'Agricoltura siciliana. Un settore primario, sottolineano, trascurato e tartassato da “aumenti spropositati dei canoni irrigui e dei canoni di bonifica”.

“In modo particolare – spiega il deputato DI Caro - il Consorzio di Bonifica ex Agrigento 3, che iscrive a ruolo gli agricoltori, con aumenti retrodatati di sei anni e una quota di bonifica aumentata del 325%. Aumenti insostenibili e ingiustificati! Qualcuno pensa di risanare i bilanci del Consorzio di Bonifica ex Agrigento 3, tassando ulteriormente gli agricoltori, lasciando i laghi pieni e i terreni aridi, ma deve necessariamente cambiare rotta”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

  • Mafia e droga, la maxi inchiesta "Kerkent": tre indagati chiedono di parlare col pm

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento