L'arancia di Ribera Dop sta con Telethon: raccolta fondi per le malattie genetiche rare

Il consorzio di tutela: "Ogni donazione non rappresenta solo un gesto simbolico, ma un sostegno reale per la ricerca e per i pazienti ed è deducibile in fase di dichiarazione dei redditi"

Il consorzio di tutela dell'arancia di Ribera Dop ha aderito al programma “Io sto con fondazione Telethon”, attraverso la partecipazione alla campagna di sensibilizzazione dal profondo valore sociale finalizzata alla raccolta fondi per la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare.

Un'appello alla solidarietà per le persone con una malattia genetica rara e le loro famiglie al quale è opportuno rispondere con donazioni e azioni che lascino il segno, proprio perché mai come ora la ricerca Telethon sta offrendo risposte concrete e terapie efficaci per sempre più malattie. Sabato, dalle 15:30 alle 21:30, si terrà - in via Vento a Sciacca - il "Live show cooking" con Giovanni Montemaggiore, Gianluca Interrante e Davide Deraco. 

"Ogni donazione non rappresenta solo un gesto simbolico, - scrivono dal Consorzio di tutela arancia di Ribera Dop - ma un sostegno reale per la ricerca e per i pazienti ed è deducibile in fase di dichiarazione dei redditi".
  

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Calorie, proprietà e utilizzi delle ciliegie

  • Tipe da spiaggia: cosa mi metto?

I più letti della settimana

  • L'incidente di Caltabellotta si trasforma in tragedia: è morto il 22enne di Lucca Sicula

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • Si ribalta il trattore e un uomo resta incastrato: il 60enne non è in pericolo di vita

  • Scontro fra auto in galleria nella statale 115: feriti i due conducenti

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento