L'istituto "Anna Frank" punta sull'internazionalizzazione: ecco le iniziative

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

L’adesione a partenariati internazionali ed a prestigiosi progetti di E-twnning, il ricorso alla metodologia CLIL, nonché l’utilizzo curricolare, e non, dei diversi laboratori linguistici, connotano la vocazione internazionale dell’Istituto agrigentino che con la realizzazione del progetto “Flipped classroom from students for students”, ambisce ad agevolare quanto più possibile un’attività di cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche con diverse scuole europee. Il progetto di durata biennale, nato da un meeting in Austria nel novembre del 2018 a cui hanno partecipato ben 15 studenti dell’istituto, è stato approvato e finanziato dall’Agenzia nazionale
Erasmus Plus Indire e permetterà ad alcuni alunni della scuola secondaria di primo grado di visitare realtà scolastiche di paesi stranieri, ma soprattutto, di lavorare in un ambiente di apprendimento altamente innovativo ed alternativo a quello tradizionale. Gli studenti, accompagnati dai docenti, si confronteranno con coetanei austriaci, irlandesi, bulgari e sloveni, sono queste, infatti, le nazioni e le scuole partner del progetto. Proprio alcuni giorni fa una delegazione di docenti di lingua inglese, le professoresse Patrizia Fadda e Ketty Alongi, ed il dirigente scolastico Alfio Russo sono stati in Austria per partecipare al teachers’ training preparatorio al meeting con gli studenti che si terrà in Irlanda dal 21 al 28 marzo.  In quell’occasione i ragazzi entreranno nel vivo del progetto e, come prevede la metodologia della
flipped classroom, creeranno video o presentazioni su argomenti di varie discipline scolastiche. Il progetto, per la sua importanza ed il respiro internazionale, è, certamente, un’occasione unica di promozione per la scuola e per il nostro territorio, e a marzo del 2021 sarà proprio l’Istituto Anna Frank ad ospitare le delegazioni di insegnanti provenienti dalla Bulgaria, dalla Slovenia, dall’Austria e dall’Irlanda.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento